Warning: strpos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-includes/compat.php on line 473

Warning: preg_match() expects parameter 2 to be string, array given in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-includes/class-wp-block-parser.php on line 252

Warning: strlen() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-includes/class-wp-block-parser.php on line 324

Warning: strpos() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-includes/compat.php on line 473

Warning: preg_match() expects parameter 2 to be string, array given in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-includes/class-wp-block-parser.php on line 252

Warning: strlen() expects parameter 1 to be string, array given in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-includes/class-wp-block-parser.php on line 324

Warning: session_start(): Cannot start session when headers already sent in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-content/plugins/unyson/framework/includes/hooks.php on line 259
Qual è il valore del talento? | Blog Skill Academy

Qual è il valore del talento?

marilyn monroe

Qual è il valore del talento?

Recentemente ho partecipato ad alcuni corsi durante i quali ho riflettuto ulteriormente sul significato che ognuno di noi attribuisce alle parole.
La PNL si basa proprio su questo, cioè sull’effetto che il linguaggio ha sui comportamenti. Ed uno dei suoi presupposti è che non esiste una realtà oggettiva, ognuno di noi si costruisce una realtà in base al suo vissuto, ai suoi filtri e alle sue convinzioni. Di conseguenza ognuno di noi potrebbe attribuire alle parole un significato, o una sua sfumatura, diversa e che può anche cambiare nel corso del tempo.

La prima parola sulla quale ho riflettuto è talento: quel ragazzo ha un talento incredibile; ognuno di noi ha un talento; nello sport non vince il talento ma l’allenamento.
Quali di queste affermazioni vi convince? A me, nessuna. O tutte. O solo alcune di esse. 🙂

Marylin Monroe diceva “Non desidero niente altro. Uomini, denaro, amore, ma solo il talento per recitare” per dire quanto fosse importante, anzi quanto fosse più importante di tutto.
Io sono cresciuto guardando lo sport in Tv con le parole di mio padre “Giammarco hai visto che talento McEnroe? Nessuno potrebbe fare quello che fa!” oppure sentendo frasi come “Nessuno avrà mai il talento di Mozart”.
Mi sono costruito quini la mia idea di talento: non è solo la capacità di fare un qualcosa meglio degli altri, è soprattutto la capacità di farlo spargendo quella polverina magica che renderà quel momento, quel gesto o quell’azione irripetibile, tanto che qualcuno esclamerà “fa sembrare naturale e semplice qualcosa che è impossibile per la maggioranza delle persone”.
Secondo me la finta-svampita Marylin sapeva esattamente di cosa parlava, io ad esempio attribuisco al talento il dono di essere generativo verso se stessi e gli altri.

In questi corsi mi sono imbattuto in diverse chiacchierate sul talento e sono andato a confrontare la mia idea con quella che vedo nella società.
Sento spot televisivi che dicono “Ogni donna ha il suo talento”.
Sui libri di crescita personale si legge “ognuno di noi ha un talento, lo deve solo esprimere”.
È, probabilmente, lo stesso messaggio he porta decine di migliaia di persone alle selezioni di uno show televisivo, compreso chi oggettivamente non riesce ad emettere note senza stonare. È lo stesso messaggio per il quale tanti sentono di saper cucinare come uno chef stellato.
Abbiamo democraticizzato il talento.

La mia riflessione non ha l’obiettivo di convincervi sulla bontà della mia visione di talento.
Vorrei farvi riflettere che quando mi capita intervenire in una discussione sul talento, potrei ritrovarmi a 1) litigare, perché diamo due significati diversi alla stessa parola 2) dire tutti la stessa cosa senza capirci 3) a dover fare uno sforzo enorme per esprimere le mie idee.
Cosa possiamo fare in queste situazioni? Propongo il classico consiglio della nonna.
Io ho stilato un elenco di 10 parole per me importanti e alle quali potrei dare sfumature di significato diverse dagli altri.
Se parlo con qualcuno e nel dialogo qualcuno cita una di queste parole, semplicemente dico “ALT! Se parliamo di talento, sappiate che io gli attribuisco questo significato…”. È un modo per allinearci sulla stessa parola o quantomeno riconoscere da subito le potenziali differenze.
Volete sapere quale è il mio elenco delle 10 parole? Questo lo scoprirete quando ci incontriamo.

In un altro post approfondirò un altro termine sul quale ho riflettuto molto, anche cambiando la mia visione iniziale: il perdono.

Giammarco D'Orazio
Seguimi su
Latest posts by Giammarco D'Orazio (see all)

Warning: session_start(): Cannot start session when headers already sent in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-content/plugins/unyson/framework/helpers/class-fw-session.php on line 13

Warning: session_start(): Cannot start session when headers already sent in /home/customer/www/skillacademy.it/public_html/wp-content/plugins/unyson/framework/helpers/class-fw-session.php on line 13