Warning: Parameter 1 to wp_default_scripts() expected to be a reference, value given in /home/giorgiac/public_html/skillacademy.it/wp-includes/plugin.php on line 601

Warning: Parameter 1 to wp_default_styles() expected to be a reference, value given in /home/giorgiac/public_html/skillacademy.it/wp-includes/plugin.php on line 601
Siamo nel business del caffè? | Blog Skill Academy

Siamo nel business del caffè?

caffè

Siamo nel business del caffè?

Di recente, ho riletto uno dei libri più entusiasmanti sulla comunicazione che abbia mai letto: Tutti comunicano pochi si connettono di John C. Maxwell.
Mi ha colpito una frase in particolare, riferita a Nabi Saleh, proprietario del brand Gloria Jean’s Coffees, “Noi non siamo nel business del caffè che serviamo alla gente. Siamo nel business delle relazioni con la gente a cui serviamo il caffè”. Credo che in questa frase ci sia l’essenza dell’importanza della comunicazione e anche del business.

Molto, troppo spesso, gli imprenditori, i manager, i professionisti, le persone restano concentrate sul cosa fanno e sul cosa sanno fare. In questo caso, una frase ipotetica potrebbe essere “Noi serviamo ai nostri clienti il miglior caffè….”, il problema è far si che quei clienti siano entusiasti e tornino a bere il caffè, anzi siano così entusiasti da impegnarsi emotivamente perché altri vadano a bere il caffè dove lo hanno bevuto loro. Perché questo succeda, quanto dovrebbe essere “migliore” quel caffè?
Perché tutto ciò accada, non basta avere il miglior caffè, perché ciò accada è necessario creare una relazione profonda con i propri clienti. John Maxwell parla a tal proposito di connessione, intendendo quell’attenzione profonda, quella capacità di connessione, quella capacità di empatia propria dei grandi comunicatori.

Questa capacità può fare la differenza?
Secondo Maxwell, questa è la differenza che fa la differenza. Tutte le capacità e competenze del mondo svaniscono difronte alla incapacità di comunicare con efficacia, tutte le tecnologie e le ricerche del mondo si perdono difronte alla incapacità di creare una relazione continua ed entusiastica con dipendenti, clienti, fornitori, etc.

Esagerazioni?
Se rispondessimo d’istinto saremmo portati a dire di si, insomma non scherziamo, le competenze sono molto più importanti di qualsiasi capacità comunicativa. Posta così non c’è dubbio, è l’equivalente del detto “tutto fumo e niente arrosto”.
Se però andiamo oltre la risposta istintiva, il ragionamento non può non essere più complesso. A cosa serve la competenza se nessuno ne viene compiutamente a conoscenza. A cosa serve essere i migliori se nessuno vuole vivere quell’esperienza? Da questo punto di vista, il principio dell’importanza fondamentale del sapersi connettere acquista diverso valore.

Insomma, il punto non è comunicazione o competenza, il punto è competenza senza capacità di comunicarla o competenza con capacità di comunicarla.
Il mondo è pieno di fallite aziende nonostante grandi idee, di grandi menti finite a fare i dipendenti a stipendio minimo o i precari, di brillanti laureati disoccupati, etc.
Forse è colpa della crisi economica, o forse..